Plastiche in PP Polipropilene: La soluzione esiste!

Molti tecnici restauratori sono sicuramente incappati inquesto tipo materiale, ormai largamente usato dalle case automobilistiche per la realizzazione di svariate parti in plastica: cruscotti, consolle di comando, pannelli portiere, coperture di piantoni, etc.

Precedentemente la plastica in PP era usata solo per la realizzazione di parti suggette a particolare usura (copertura dei piantoni), o per parti di poca importanza (scatola dei fusibili). Da ormai 3 anni a questa parte, hanno iniziato ad usare questo materiale per qualsiasi cosa, probabilmente favoreggiati dai bassi costi di realizzo.

Ma come si individua questa plastica?

la cosa più semplice è vedere sul retro, dove spesso si trovano una serie di rilievi che indicano varie cose: lotto di produzione, data di produzione, marca, nome, ed anche il materiale usato. Ecco un esempio:

 

Polipropilene Plastiche

 

La sigla PP (normalmente si trova racchiusa tra due frecce: > PP < ) sta per Polipropilene. Normalmente, abbiamo sempre avuto a che fare con platiche ABS, che non hanno mai presentato problemi.

Quando non è possibile individuare facilmente questa “targa identificativa”, possiamo avvalerci di vari sistemi. Il primo è trovare un pezzo di plastica uguale facilmente smontabile: spesso basta il cassettino che copre i fusibili. Il secondo è che le plastiche in Polipropilene NON SONO MAI VERNICIATE. Sono quindi sempre “grezze” (mai le troveremo verniciate di metallizzato, o qualsiasi altro rivestimento di colore). In genere sono semi lucide, e se sembrano opache è solo per una tramatura molto fitta e profonda (creando l’illusione ottica dell’opaco, vedi Fiat Grande Punto). Altra caratteristica, al tatto è come se fossero oleose.

Chiunque abbia provato a verniciare questo tipo di plastica ha avuto il problema che la vernice non si attacchi, seppur usando Promotori di adesione “specifici”.

Difatti, usando procedure Standard il risultato era il seguente:


test fallito PP

 

Alla prova di quadrettatura (uno dei test atti a verificare l’aderenza dello strato di colore sul supporto), si nota come la vernice non abbia affatto aderito sul supporto. Una volta creata l’incisione, questo è facilmente asportabile col il nastro adesivo. In alcuni casi si è verificato che è bastato semplicemente il getto d’aria di un aspirapolvere!

Ebbene, dopo appurati test, siamo riusciti a trovare una giusta combinazione di prodotti che ci consentono di poter risolvere il problema in maniera soddisfacente!

 

verniciatura plastiche polipropilene

I tenici che hanno svolto il corso di formazione presso la nostra struttura possono tranquillamente usufruire del nostro Know-How per risolvere qualsiasi problematica!

 

Per maggiori informazioni: italia@superiorrestoration.eu

 

Leave a comment